Cosa può indicare una debole circolazione sanguigna?

Cosa può indicare una debole circolazione sanguigna?

Il corretto funzionamento del corpo è possibile grazie alla circolazione sanguigna che attraverso un sistema chiuso di vasi va a fornire sostanze nutrienti a tutte le cellule del nostro corpo. Disturbi circolatori possono portare a conseguenze pericolose per la salute.

La cosiddetta circolazione debole , è caratteristica soprattutto per gli anziani, ma abbastanza spesso colpisce anche i giovani. I sintomi più comuni di cattiva circolazione del sangue è avere freddo ai piedi o alle mani o averli gonfi, intorpidimento, vene varicose, pressione del sangue troppo bassa o troppo alta, svenimenti, mal di testa, vertigini, palpitazioni, stanchezza eccessiva, pelle pallida e asciutta. Naturalmente i piedi o le mani fredde o un temporaneo intorpidimento degli arti non devono essere immediatamente sintomo di una malattia grave. Ciò può infatti essere il risultato di ipossia temporanea lontana dal sistema di controllo, che è il cuore, in parti del corpo, per esempio a causa di mancanza di esercizio o per essere fermi per lungo tempo in una posizione. Tuttavia, se questo tipo di sintomi si ripetono, e in aggiunta non possiamo trovare un motivo razionale, dobbiamo andare dal medico.

Una delle prime risposte alla domanda sulla causa di disturbi circolatori è l’aterosclerosi, che è un processo infiammatorio cronico che coinvolge una vasocostrizione dovuta alla deposizione di colesterolo sulle pareti. In connessione con lo sviluppo di placche aterosclerotiche il sangue non può fluire liberamente attraverso i vasi sanguigni. Lo sviluppo dell’aterosclerosi può essere favorito dall’ obesità , dalla mancanza di esercizio fisico, dal diabete, dall'ipertensione, dal fumo di sigaretta. Come risultato di lesioni aterosclerotiche agli arti inferiori può causare gravi malattie e dell'arto ischemica cronica che porta alla trombosi, per esempio, o necrosi. Una cattiva circolazione può anche derivare da problemi con la tiroide, reni, essere il risultato di anemia e malnutrizione, o problemi con la colonna vertebrale.